"Siamo molto soddisfatti di questo servizio vista la serietà, la professionalità e la disponibilità che abbiamo trovato in Coopattiva"
pittogramma logo Opocrin
Francesca Pieri
Direttore HR Gruppo Opocrin

Opocrin S.p.A., azienda modenese leader mondiale nella ricerca, produzione e commercializzazione di principi attivi farmaceutici e molecole complesse, è entrata in contatto con Coopattiva vista la necessità di assolvere l’obbligo di assunzione delle categorie protette previsto della Legge 68/99. Partendo dall’opportunità di poter assolvere una parte della quota d’obbligo grazie alla convenzione ex art. 22 (L.R. 17/2005), si è aperto un confronto per capire insieme quali attività potessero essere affidate da Opocrin a Coopattiva.

Svolti i primi incontri conoscitivi con l’azienda, sondate diverse possibili soluzioni, si è individuata l’opportunità di supportare l’attività di pulizia della vetreria utilizzata nei laboratori dello storico stabilimento di Corlo di Formigine (Modena) di questa importante realtà del settore chimico-farmaceutico. Secondo quanto indicato nella Job Description di Opocrin S.p.A., specifica per il profilo ricercato e, una volta avviato l’iter di selezione attraverso la preziosa collaborazione dell’Agenzia Regionale per il Lavoro – Ufficio Collocamento Mirato di Modena, sono stati individuati alcuni potenziali candidati. 

Tra i vari profili individuati si è distinto quello di Claudia, da un po’ di tempo inattiva nel mondo del lavoro a causa di problematiche sopraggiunte, ma che al contempo ha dimostrato un’elevata adeguatezza e motivazione nell’intraprendere un nuovo percorso lavorativo. Successivamente, visto il favorevole riscontro anche da parte dell’azienda, è stata formalizzata l’assunzione tramite la stesura di un progetto personalizzato, accompagnato dal costante monitoraggio con supporto professionale e relazionale da parte dell’Ufficio Inserimenti Lavorativi di Coopattiva, concretizzato in momenti di verifica periodici, rispetto degli obiettivi previsti e in costanti messe a punto finalizzate ad ottimizzare il percorso lavorativo.

La strada scelta si è dimostrata la migliore fin dai primi passi: l’azienda ha accolto con entusiasmo la lavoratrice, il personale Opocrin si è dimostrato da subito disponibile nei confronti della nuova collega ed in generale si è instaurato un clima di totale collaborazione fra tutti i soggetti coinvolti sia da un punto di vista professionale che umano.

Ad oggi è possibile quindi comunicare, con soddisfazione di tutte le parti coinvolte, il traguardo raggiunto: dopo i primi otto mesi di lavoro l’azienda, visti i risultati ottenuti, ha deciso di procedere all’assunzione diretta di Claudia, trasformando questo rapporto lavorativo in convenzione con Coopattiva, in una proposta di lavoro subordinato a tempo indeterminato con Opocrin S.p.A..

Allo scopo di ottenere una testimonianza diretta, abbiamo rivolto alcune domande a Francesca Pieri, Direttore HR del Gruppo Opocrin, coinvolta in prima persona in questo processo di assunzione.

Da quali necessità prende avvio questo progetto?
Questa esperienza, che dico subito è stata molto positiva, nasce da un obbligo di legge, ma anche dalla nostra mission rivolta ad inserire persone con difficoltà nel mondo del lavoro. Abbiamo voluto esplorare questa possibilità avvalendoci della collaborazione di Coopattiva, con cui ci siamo trovati molto bene fin dal primo incontro e poi lungo tutto il percorso. Il supporto di Coopattiva ha fatto la differenza.

Cos’è avvenuto dopo il primo contatto con Coopattiva?
Siamo entrati in contatto con Coopattiva tramite un semplice passaparola: una realtà della quale inizialmente non eravamo a conoscenza, ma che in seguito grazie alle opinioni raccolte e alla nostra esperienza diretta, abbiamo apprezzato particolarmente, supportati dal costante sostegno da parte di Giorgio Sgarbi (Direttore e Responsabile del Personale) e Maria Carla Scala (Responsabile Inserimenti Lavorativi). Ho misurato da subito l’attenzione e la serietà del servizio da loro offerto: sono stati in sede per verificare gli ambienti, il clima aziendale percepito e ci hanno affiancato nel percorso di conoscenza e poi di selezione delle persone che abbiamo colloquiato. Questo è stato fondamentale perché ci ha permesso di costruire un percorso insieme, step by step: un percorso di inserimento nato grazie al supporto di Coopattiva, ma anche dei miei colleghi, in primis, della Dott.ssa Elisabetta Lamazzi, Responsabile del reparto Controllo Qualità di stabilimento, che ha sempre dimostrato molta attenzione e cura nell’inserimento di persone con fragilità. Questa collaborazione reciproca ci ha consentito di raggiungere l’obiettivo nel migliore dei modi.

In cosa consiste l’attività lavorativa di Claudia?
Claudia lavora nel Reparto Controllo qualità del nostro stabilimento di Corlo di Formigine (Modena) come addetta alla pulizia della vetreria, sia con lavaggio manuale che meccanico. Gestisce la preparazione del materiale destinato alla sterilizzazione e svolge tutte le mansioni ausiliarie di laboratorio sulla base di dettagliate istruzioni fornite per svolgere queste attività.

Come si è arrivati a scegliere la strada dell’assunzione?
Sicuramente è importante far sentire una persona parte della nostra organizzazione e, ancor prima di terminare il percorso con Coopattiva, è stato per noi del tutto naturale proporle di entrare a far parte del nostro Gruppo. Non si tratta di un processo dovuto da parte di un’azienda, ma è un passaggio per noi spontaneo: integrare al meglio la risorsa facendola sentire parte fondamentale della nostra impresa.

Qual è il livello di soddisfazione? Ci sono eventuali considerazioni sul servizio offerto da Coopattiva?
Siamo rimasti molto soddisfatti di questo servizio vista la serietà, la professionalità e la disponibilità che abbiamo trovato in Coopattiva: una disponibilità a 360 gradi che sicuramente, unita alla collaborazione ed apertura dei miei colleghi e alle caratteristiche della persona, hanno creato le condizioni utili alla realizzazione di un percorso totalmente positivo. Sicuramente l’accompagnamento professionale e costante di Coopattiva ci ha permesso di assolvere l’obiettivo dell’obbligo nel miglior modo possibile e senza intoppi. E, visto il risultato raggiunto, di andare anche ben oltre.

Anche la tua azienda deve assolvere l’obbligo della Legge 68?
Richiedi una nostra consulenza: progettiamo insieme la soluzione più adatta alle tue esigenze, garantendo assistenza e supervisione durante tutte le fasi del processo di selezione ed inserimento della nuova risorsa e contribuendo alla crescita di un mercato del lavoro inclusivo e sostenibile.